Progetti - Casa Accoglienza alla Vita Padre Angelo Onlus

Vai ai contenuti


  
OOOAÀ” è la chiamata delle protagoniste all’evento centrale del progetto C.A.M.M.I.N.O. - Cambio Abito Mentre Mi Immedesimo Nell’Obiettivo. Domenica 7 novembre, ore 15.30, c/o la Sala Marangonerie del Castello del Buonconsiglio, il cliché della sfilata sarà l’opportunità, per queste donne, di vedersi piuttosto che essere viste, e di riconoscersi in tutta la forza e la bellezza guadagnata lungo il percorso. Chi le vedrà potrà cogliere, nel loro C.A.M.M.I.N.O., alcuni messaggi che portano al di la delle barriere degli stereotipi. “Non siamo solo il nostro vissuto – dicono – siamo soprattutto ciò che questo vissuto ci ha fatto divenire”. Ecco il messaggio di OOOAÀ, una chiamata alla rinascita! Un progetto realizzato con il contributo finanziario della Provincia Autonoma di Trento, curato dall’ente capofila CASA ACCOGLIENZA ALLA VITA PADRE ANGELO ONLUS in partnership con ALFID, ATAS, ANFFAS e con il la collaborazione di professionisti sensibili al tema. Partecipazione libera su prenotazione: scrivere a cammino.tn@gmail.com o chiamare 340 7302546 entro il 5 novembre.
(articoli stampa: MONITOR Pag1 e Pag2)

OGGI siamo lieti di invitare TUTTA la CITTADINANZA alla proiezione dei video che raccontano due tappe di questo proegtto C.A.M.M.I.N.O. realizzato, come Ente Capofila, in partnership con ALFID, ATAS, ANFASS e molti altri, grazie al contributo finanziario della Provincia Autonoma di Trento per le Pari Opportunità.

25 NOVEMBRE 2021
cortile interno di via Belenzani,13
I video verranno proiettati di continuo dalle 9.00 fino alle ore 17.30 nel cortile prossimo alla sede dell'Ufficio politiche giovanili del Comune di Trento.

EVENTO A PARTECIPAZIONE LIBERA










Causa COVID19 è partito solo a gennaio 2021 il progetto finanziato della Diocesi di Trento con i fondi 8X1000 raccolti dalla CEI di 6.000,00 Euro e condotto dalla Pedagogista
dott.sa Arianna Montagni:

  
LA PEDAGOGISTA svolge presso la struttura:

  • UNO SPORTELLO INDIVIDUALE DI SUPPORTO attraverso la:
PEDAGOGIA CLINICA®: scienza autonoma che risponde all’esigenza di rinnovamento pedagogico per promuovere un approccio olistico che parte dall'analisi della richiesta reale della persona e individua Potenzialità, Abilità e Disponibilità presenti nella persona andando oltre il disagio e la diagnosi, proponendo un percorso che aiuta a superare le disarmonie o le difficoltà del quotidiano valorizzando le forze interne ed esterne attraverso un intervento educativo.
Viene favorito l'autoapprendimento di modalità che attivano nuovi equilibri personali, strategie compensatorie e aperture per raggiungere obbiettivi desiderati; apprendimenti scolastici; difficoltà comportamentali; sviluppo competenze sociali; difficoltà interpersonali.  
PEDAGOGIA: mediante l’uso di metodologie proprie della professione e la relazione interpersonale si propone di accompagnare il bambino e l’adulto verso il cambiamento e l’innovazione delle strategie educative in uso nel quotidiano.  
Relativamente all’ambito scolastico individua, nella relazione con la persona, delle strategie operative a supporto della didattica, efficaci per una crescita cognitiva e affettiva sana e equilibrata.  
Tempo: 10 mesi, 4 ore per 3 volte al mese

  • INCONTRI DI GRUPPO ATTRAVERSO:
GRUPPO DI PAROLA: ovvero un metodo educativo pedagogico gruppale, che permettere di superare e condividere esperienze di “separazione” legate a diverse tematiche (es. paure, la riorganizzazione famigliare, l'arrivo di un nuovo compagno, di un fratellino ecc...). Gli interventi nel gruppo che funge da contenitore, sono mediati dal conduttore e hanno come fine ultimo il cambiamento (se possibile) della situazione di partenza. Agli incontri di gruppo, a richiesta, sarà presente come co_conduttrice la coordinatrice della struttura.
CONSULENZA PRE e POST PARTO:
Sostegno al ruolo genitoriale al fine di assumere responsabilmente i ruoli di madre e se possibile di coppia genitoriale. Obiettivo è creare una consapevolezza critica capace di rintracciare pratiche di cura errate, preconcetti educativi e generare una cultura della cura adeguata per aprire nuove prospettive educative per affrontare i momenti difficili.
Tempo: 10 mesi, 4 ore per 1 volte al mese

Destinatari dello sportello e del gruppo sono le donne del Residenziale, delle Semiautonomie e accolte nel progetto UCI e FAMI, che sentono di voler lavorare su sentimenti di inadeguatezza e inefficacia rispetto al loro ruolo di madre e in generale nella loro vita. L’intento è aiutarle ad essere delle valide guide per i propri figli e un modello di donna equilibrata e consapevole del ruolo femminile che la società moderna richiede.   
Sarà poi cura della professionista consultare gli educatori, sia qualora necessiti di maggiori informazioni, sia per un rimando utile per poter meglio supportare la risoluzione del problema o il raggiungimento dell’obiettivo riferiti dalla Donna.


Nell'annualità 2019/2020 vi fu un'altro intervento  sempre finanziato dalla Diocesi di Trento fondi 8X1000 raccolti dalla CEI
Iniziato nel 2019 con 6.000 euro e concluso nel 2020

Breve illustrazione dell’intervento/progetto per cui si richiede contributo:
il ripristino di alcuni standard qualitativi minimi sia di benessere e qualità della vita nei luoghi d'accoglienza e del tempo libero, ma anche e soprattutto di sicurezza per la vetustà di alcune mobilie, due cucine di due alloggi e per avere televisori appesi fuori dalla portata dei minori anziché i vecchi a tubo catodico.  

Identificazione dei destinatari dell’attività:
mamme ospiti e i loro bambini dell'Associazione, sia del Residenziale in regime di H24, otto mamme con i loro figli, che degli alloggi in regime di semi autonomia, quattro madri con figli, e due alloggi per 2 madri richiedenti protezione internazionale in regime di coabitazione.

Descrizione dei benefici attesi:
gli interventi devono favorire il perdurare di un clima sereno, famigliare, la percezione di un maggior benessere, una miglior gestione degli spazi, responsabilizzando anche gli ospiti stessi sul mantenimento dell'ordine e la pulizia. Maggior sicurezza per ospiti adulti e soprattutto minori.

Gli interventi finora eseguiti riguardano la sostituzione delle 13 TV e delle lavatrici nel locale comune LAVANDERIA. QUI il report fotografico
Abbiamo inoltre acquistato una cucina nova per un appartamento destinato ad un progetto di co housin di due donne coi loro figli; abbiamo acquistato 6 biciclette da donna per le nostre ospiti e dipendenti.



viale Bolognini,28
ingresso via Adamello, 1
38122 Trento

Tel. E FAX: 0461.925751
e-mail: info@casapadreangelo.it
 Sito web: www.casapadreangelo.it
Torna ai contenuti